Osservatorio sul mercato del lavoro 2019 – “Il salario minimo: quali risposte?"

L'ipotesi di introdurre, anche nel nostro Paese, un salario minimo legale è da tempo oggetto di discussione politica e mediatica e, recentemente, anche contenuto di una specifica proposta di legge. Per capire - al di fuori di ogni giudizio ideologico e precostituito - se l'Italia ha davvero bisogno di una retribuzione al di sotto della quale nessun lavoro e nessun lavoratore possa essere pagato, diventa allora fondamentale provare a rispondere a quattro diverse domande: 

  1. Si tratta di un'operazione in linea o fuori dal contesto delle democrazie industriali? 
  2. Avrebbe effetti concreti e misurabili sulle retribuzioni, e in quale misura? 
  3. A quanto potrebbe ammontare il salario minimo orario in Italia? 
  4. Con quali percorsi giuridici e politici potrebbe essere introdotto? 

Questo l'intento dell'ultimo Osservatorio sul mercato del lavoro a cura del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali che, dopo aver analizzato la platea di potenziali beneficiari e i possibili effetti concreti dell'introduzione di un salario minimo orario anche alla luce del confronto internazionale, ne ipotizza anche gli ambiti di attuazione, non senza trascurare infine una riflessione sul ruolo delle organizzazioni sindacali nella contrattazione collettiva nazionale. 

Anno:
2019
Tema:
Lavoro