Nuovi modelli di business e tecnologia per l’industria assicurativa

Annual Meeting dedicato alle Compagnie di Assicurazione

Gli eventi di questi ultimi anni, dalla crisi dei subprime al credit crunch, dai tassi zero all’attuale pandemia di COVID-19 hanno contribuito ad accelerare una generalizzata introduzione da parte delle Compagnie di Assicurazione di “nuovi modelli di business e nuove tecnologie di supporto ai prodotti, servizi e alla loro distribuzione”. Considerando che i tassi rimarranno ancora per molti mesi a livelli bassi o negativi, oltre la metà delle Compagnie prevede una gamma di prodotti più flessibili e mirati, con un maggiore coinvolgimento degli assicurati. Tra questi, le coperture contro i rischi pandemici e le assicurazioni vita con obiettivi di investimento e, in particolare, l’offerta di nuovi servizi sanitari basati anche sulla telemedicina o mirati al tema della non autosufficienza in una società che invecchia.

Anche in materia di investimenti le Compagnie giocheranno un ruolo fondamentale, a iniziare dall’adozione nel più ampio modo possibile dei criteri di sostenibilità e ESG, criteri che stanno assumendo una rilevanza sempre più centrale e trainante, assecondando anche le sensibilità degli assicurati sempre più attenti ai problemi ambientali e sociali. Inoltre, quali grandi investitori istituzionali, potranno essere attori protagonisti del rilancio del Paese investendo in economia reale domestica nei mercati privati attraverso l’allocazione di risorse in fondi di private equity, private debt e infrastrutture, diversificando e rendendo maggiormente resilienti i portafogli, anche tramite collaborazioni pubblico-privato nella gestione dei fondi del Next Generation EU.

Infine, la nuova offerta assicurativa sarà fortemente basata anche su una trasformazione tecnologica che condizionerà le modalità di progettazione, distribuzione, gestione e monitoraggio di molti prodotti introducendo ampi elementi di semplificazione e flessibilità. Trasformazione tecnologica che modificherà in modo sostanziale l’industria in tutte le sue componenti, cambiando i criteri di valutazione dei rischi di prodotto e degli investimenti ma anche l’organizzazione del lavoro (smart ed easy working) per una parte significativa della forza lavoro delle Compagnie.

Su questi temi è incentrata la due giorni dell'Annual Meeting di studio Itinerari Previdenziali, una buona occasione per un approfondimento di alto livello con i soggetti apicali, i responsabili finanza e i risk manager delle più importanti imprese assicuratrici, beneficiando anche di un confronto con policy maker e analisti in demografia, finanza, economia e vigilanza, settori particolarmente rilevanti per l’attività delle imprese assicuratrici, in continuità con le tematiche affrontate nelle scorse edizioni.

Ciascuna delle due sessioni di lavoro previste si articolerà in tre momenti:

  • i quadri di contesto, con approfondimenti relativi al quadro macro-economico, finanziario e demografico e dedicati all’analisi - a cura degli stessi policy maker - delle prospettive nazionali ed europee nell’ambito della vigilanza e delle misure rivolte agli investitori istituzionali 
     
  • gli scenari, relativi alle diverse possibilità di investimento dei patrimoni nelle differenti asset class, al loro potenziale in termini di ritorno economico e ai riflessi su solvibilità, redditività e sviluppo del sistema Italia;
     
  • le riflessioni, previste al termine di ogni sessione come momento di dibattito sui temi trattati e introdotte da brevi interventi a cura di vari esponenti delle Compagnie di Assicurazione.

L'evento è a porte chiuse e la partecipazione strettamente su invito. Per informazioni, potete contattarci via e-mail all'indirizzo: info@itinerariprevidenziali.it

 

In collaborazione con