"Ricostruzione", dai territori al Next Generation EU: il ruolo delle Fondazioni di origine Bancaria

Annual Meeting dedicato alle Fondazioni di origine Bancaria

Lo scorso 18 febbraio il primo convegno virtuale 2021 dedicato alle Fondazioni di origine Bancaria è stato l'occasione per riflettere sul ruolo delle Fondazioni rispetto al nuovo PNRR (Piano nazionale di Ripresa e Resilienza) che il governo ha presentato a fine aprile alla Commissione Europea. Il piano prevede che il nostro Paese possa beneficiare di notevoli risorse europee nell’ambito del Next Generation EU: una sorta di nuovo “piano Marshall” che rappresenta un’opportunità unica di ricostruzione dopo le pesanti ripercussioni economiche e sociali causate dalla pandemia COVID-19. 

Per ottimizzare tali risorse, occorrono però progetti ben strutturati, adeguati ai contesti territoriali e sostenibili. Progetti che investono di grande responsabilità non solo i decisori politici ma anche tutti gli attori che saranno chiamati a indirizzare e impiegarne bene le risorse, sia perché si tratta - in parte - di ulteriore debito che ricadrà sulle future generazioni, sia perché si potrà dare un futuro all’Italia e all’Europa solo attraverso una visione di medio-lungo termine basata sul concetto di sostenibilità, che guardi al lungo periodo e all’equilibrio tra necessità di oggi e bisogni di domani.

Nell'attuazione di questi progetti le Fondazioni di origine Bancaria possono vantare una grande conoscenza dei loro territori e delle esigenze locali:  lo testimonia l’ingente attività erogativa svolta negli ultimi 20 anni con oltre 24 miliardi investiti tra il 2000 e il 2019 nei molti progetti che le vedono impegnate in molti settori, dall’ambiente all’educazione, dall’innovazione al sostegno. Ecco, dunque, che questa rete di competenza e conoscenza può risultare utile per impiegare al meglio le grandi risorse che le istituzioni europee stanno investendo nella ricostruzione. 

L’Annual Meeting 2021, organizzato da Itinerari Previdenziali in collaborazione con Acri, vuole mettere a sistema queste riflessioni a beneficio sia del mondo fondazionale sia dei numerosi e rilevanti interlocutori esterni con cui ci sarà la possibilità di interfacciarsi. Nei due giorni di incontro, il Meeting sarà suddiviso in diversi momenti: la presentazione dei quadri generali macro-economico, finanziario, geopolitico ed europeo con policy maker ed esperti di settore; gli scenari di investimento presentati da specialisti dei mercati finanziari; le tavole di riflessioni con il confronto tra le Fondazioni, sia in termini di progetti sia in relazione ai possibili scenari di investimento dei patrimoni fondazionali nelle diverse asset class e dei relativi potenziali ritorni economici. Al termine di ogni sessione previsto infine un momento di dibattito con domande sui temi trattati e sul tema conduttore del convegno.

L'evento si propone quindi  di fornire un quadro delle opportunità e delle sfide che queste risorse comunitarie comportano per i territori, stimolando una riflessione sul ruolo che le Fondazioni di origine Bancaria potrebbero svolgere per favorire progettualità, coesione e capacità realizzativa. Un meeting particolarmente orientato alle funzioni apicali di politiche d’indirizzo e di struttura funzionale, nonché ai responsabili investimenti e finanza delle Fondazioni, chiamati a scelte di politica sociale e di investimento sempre più complesse in un mondo ormai interdipendente.

Il meeting è a porte chiuse e la partecipazione strettamente su invito. Per informazioni scrivere a info@itinerariprevidenziali.it

 

In collaborazione con