La grande accelerazione negli investimenti sostenibili: ERA (per pochi) ORA (per tutti)!

Forum ESG e sul Welfare integrato

L’economia accelera verso la sostenibilità, di pari passo con la legislazione europea e nazionale e soprattutto con la sensibilità, anche dei singoli cittadini, verso questi temi essenziali anche per la nostra vita quotidiana: non più un trend o una moda, quindi, ma una certezza ormai consolidata. I track record degli investimenti sostenibili sono del resto ancora brevi ma già ampiamente sufficienti per confermare che la direzione è tracciata, stando però ben attenti ai vari washing nei quali è facile imbattersi o farsi trascinare. 

Il 2023 potrebbe essere l’anno della maturità per questi investimenti che sia gli anni della  pandemia sia l’instabilità geopolitica culminata con l’invasione russa dell’Ucraina hanno reso spesso sostitutivi di molti prodotti tradizionali e senza connotati di sostenibilità. La buona notizia già emersa dalle precedenti pubblicazioni è che il numero di investitori istituzionali che utilizzano una “politica di investimento sostenibile” è in costante crescita e chi ancora non lo fa ha intenzione di implementare l'integrazione dei criteri ESG nel prossimo futuro. A dimostrazione di ciò, la presenza di advisor finanziari e consulenti specializzati in materia è in egual misura in rapida crescita. L’attenzione al solo ritorno economico – nell’utilizzo di questi strumenti – pare lasciare spazio ad altre e più nobili motivazioni nelle scelte degli investitori. La finanza green è ormai il modello da implementare e perseguire nelle allocazioni.

Per offrire una fotografia quantitativa e qualitativa circa il livello di attenzione nei confronti del tema della sostenibilità, Itinerari Previdenziali presenta in occasione del Forum ESG e sul Welfare Integrato la quinta indagine sulle strategie di sostenibilità degli investitori istituzionali italiani, punto di partenza del secondo Quaderno di Approfondimento “ESG e SRI, le politiche di investimento sostenibile degli investitori istituzionali italiani” che già nella sua prima edizione ha raccolto, oltre al contributo e patrocinio di ASviS - Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, anche best practice case history di fondi pensione, Casse di Previdenza, Fondazioni di origine Bancaria e Compagnie di Assicurazione.

 

Il convegno è a porte chiuse e la partecipazione strettamente su invito. Per informazioni scrivere a info@itinerariprevidenziali.it