Alberto Brambilla, Presidente Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali

Docente universitario e già Presidente del "Nucleo di Valutazione della Spesa Previdenziale" presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con incarico di coordinamento dei Casellari degli Attivi e dei pensionati (anagrafe generale dei lavoratori attivi e dei pensionati), è stato Sottosegretario al Ministero del Welfare con delega alla "Previdenza Sociale". In relazione a tale incarico, ha dunque partecipato come relatore a convegni nazionali e internazionali in campo economico, finanziario e previdenziale e all'attività di governo, coordinando - tra le altre -  la riforma delle pensioni e la legge sulla previdenza complementare, nonché delle relative norme e direttive di attuazione. 
 

Editorialista per quotidiani e periodici e autore di numerose pubblicazioni in materia di welfare, previdenza sociale, fiscalità e servizi finanziari mobiliari e immobiliari, dopo aver ricoperto prestigiosi incarichi direttivi presso imprese nazionali e internazionali (tra cui INPS e Fondazione San Raffaele) fonda Itinerari Previdenziali, realtà indipendente che da oltre 10 anni opera in attività di ricerca, formazione e informazione nell'ambito del welfare e dei sistemi di protezionale sociale, sia pubblici che privati, e di cui oggi coordina e presiede il Centro Studi e Ricerche.

In particolare, in qualità di Presidente del Centro Studi e Ricerche, si occupa quindi dell'ideazione, del coordinamento e della realizzazione di studi e analisi sui principali trend normativi, sociali ed economico-finanziari in atto nei settori afferenti il welfare pubblico e complementare, nonché della supervisione scientifica di convegni, meeting e workshop cui partecipa attivamente al fine di alimentare e favorire il dibattito autorevole tra i principali player del comparto. Ideatore della Giornata Nazionale della Previdenza e del Lavoro, supervisiona le attività divulgative a cura di Itinerari Previdenziali, con l'intento di promuovere l'avvicinamento consapevole del grande pubblico alla cultura previdenziale e finanziaria.  

 

Articoli di approfondimento

Il peso del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e autonomi.  Il dibattito su cuneo fiscale e contributivo è molto accesso ma, quando si tratta di guardare ai numeri, emerge spesso una scarsa consapevolezza dei dati: ecco perché potrebbe essere utile ed educativo mandare a tutti i contribuenti un "prospetto" di quanto hanno versato nell'arco dell'anno e quanto invece hanno ricevuto in servizi

 

Un popolo oppresso dalle tasse?  Considerando il gettito al netto del "bonus Renzi", il 45,19% dei dichiaranti versa il 2,62% dell'Irpef, contribuendo di fatto ai conti pubblici con risorse neppure lontanamente sufficienti a coprire il solo costo pro capite della sanità. Il ritratto di un Paese cui servirebbero più equità e strumenti come il "contrasto di interessi" per combattere efficacemente l'evasione fiscale

 
 
 

Rassegna Stampa 

Commento per il Corriere della Sera: alcune proposte per il migliorare il reddito netto dei lavoratori senza penalizzare il welfare

 

Intervista a Libero Quotidiano:  pensioni e autonomia: il Nord paga il 64%, il Sud sfiora il 17% 

 

Intervista ad Agorà Estate: il punto su Quota 100, pensioni e lavoro

 

 

Ricerche e pubblicazioni

Sesto Rapporto "Il Bilancio del Sistema Previdenziale italiano", pubblicazione volta a fornire una visione d’insieme del settore attraverso l’analisi della spesa per pensioni, sanità e assistenza e prestazioni a sostegno del reddito, e grazie a una riclassificazione della spesa totale per la protezione sociale, con ripartizione tra previdenza e assistenza

 Clicca qui per consultare il Sesto Rapporto a cura del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali
 

"Il reddito di cittadinanza",  documento che approfondisce i possibili effetti sia sulla tenuta del sistema di welfare  del Paese sia sull'andamento del mercato del lavoro italiano dell'introduzione del reddito di cittadinanza

 

"Quota 100 e il decreto attuativo sulle pensioni",  raccolta di analisi e valutazioni sulle principali novità introdotte dal decreto legge 4/2019 nel sistema pensionistico italiano, con particolare ma non esclusivo riferimento a Quota 100 e alle possibili opzioni per il pensionamento anticipato 

 

"I dati sull'immigrazione: verità scientifiche o teoremi" approfondimento sugli effetti degli flussi migratori sull'andamento dell'occupazione italiana e sulla sostenibilità del sistema di protezione sociale pubblico 

 

Osservazioni sulla proprosta di ricalcolo delle pensioniaccurata analisi della proposta di ricalcolo delle pensioni sopra i 4.000 euro netti al mese o 80.000 euro lordi l'anno 

 
 

Approfondimento sulle dichiarazioni dei redditi ai fini Irpef, studio annuale realizzato nell'ambito delle verifiche di sostenibilità del sistema di protezione sociale italiano a cura del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali

 

 

 

Contatti 

Email: a.brambilla@itinerariprevidenziali.it